it

Mura il frullatore

A cura di Fernanda Pessolano, Biblioteca della bicicletta Lucos Cozza.

«La speranza è il doping dei poveri» (p. 42)

Se nelle crono gli ultimi partono per primi, allora qui si comincia con Il mondo di Gianni Mura, uscito lo scorso 17 aprile con “Repubblica” (304 pagine, 9,90 euro più il quotidiano). La copertina è già un omaggio al ciclismo, almeno metà del mondo del “Dottorone” (l’altra metà è il calcio, ma ci vorrebbe una terza metà per la cucina e una quarta metà per musica, libri e cinema: la matematica non sarà un’opinione, ma lo sport – scusate: lo Sport – sì, e Mura valeva il doppio, oltre che il prezzo del giornale, del libro, della lettura, di tutto).

Da pagina 11 a 60, capitolo “Biciclette”, totale nove pezzi, due per “Il Venerdì”, sette per il giornale. Mura frullava storie di corse e corridori, soffriggeva Galibier e Stelvio, impanava Boardman e Anquetil, brindava a Pantani e sorseggiava con Ferlenghi e Falaschi.

Leave a Reply