it

Varale il vittorioso

A cura di Fernanda Pessolano, Biblioteca della bicicletta Lucos Cozza

«È la prima volta che un giornalista italiano viene a trovarmi» (p. 160).

Lo disse Maurice Garin a Vittorio Varale. Garin era lo spazzacamino valdostano, poi emigrato e diventato francese, che vinse il primo Tour de France (e due Parigi-Roubaix). Varale, allora giornalista della “Stampa”, accompagnato dall’ex campione del mondo dei dilettanti Pierino Bertolazzo, era andato a trovarlo nel suo garage di Lens. Garin li fece accomodare nel retrobottega, estrasse una bottiglia di bianco e cominciò a raccontare.

I vittoriosi (Longanesi, 252 pagine, pubblicato nel 1969 costava 2500 lire, prefazione di Gianni Brera) è una raccolta di incontri con i primi della classe. Nel ciclismo: Giuseppe Gerbi (“il Diavolo Rosso”), Major Taylor (“il Negro Volante”), Gino Bartali e Fausto Coppi… Storie di prima mano: Varale era un inviato che mangiava, beveva, parlava, quasi correva con i campioni.

2 Responses
  1. Mauro Parrini

    Mi fa piacere che venga ricordato questo libro che è tra i più belli dedicati allo sport e che meriterebbe di essere ristampato. Vittorio Varale è stato il giornalista sportivo più appassionato e appassionante della sua generazione, al ciclismo e all’alpinismo ha dedicato molte pagine memorabili.

Leave a Reply