itenes

Category

Non categorizzato
30
Mag

Sulla strada: Milano cambia giro

SenzaGiro ha i suoi inviati. Abbiamo chiesto a chi può in questo momento andare sulle strade del SenzaGiro di raccontarci, con un video-selfie, i luoghi dove sarebbe dovuto passare la corsa: la partenza o l’arrivo, o una strada, una salita, un lungomare, una piazza. Sono i “segnaposto” SenzaGiro e ci parlano di storie e di luoghi diversi, anche lontani dal ciclismo agonistico, ma che tirano un filo rosso, o forse rosa, lungo le strade del Giro. Carlo Venegoni, urbanista, ci racconta della manifestazione di domani, 31 maggio 2020, MILANO CAMBIA GIRO.
Continue Reading
21
Mag

Dalla Romagna: Raffaello Baldini

Davide Ferrari legge e interpreta per SenzaGiro brani di racconti, poesie e saggi in cui “passa una bicicletta”. C’è una poesia che forse più di tante altre rappresenta alla perfezione il piacere infantile e popolare di aspettare e di trepidare per una corsa in bicicletta, e anche la voglia che prende di buttarcisi dentro, di farne parte. L’ha scritta il grande Raffaello Baldini e s’intitola In bicicletta. Davide Ferrari qui ce la legge nella traduzione italiana, ma sotto potete trovare il testo originale, Em bycicleta, in romagnolo, nella variante baldiniana di Santarcangelo. Em bycicleta strisòun, Traguardo, zà, admèng i córr, ch’ ‘l’ènch’ ‘na bèla chéursa, sò ma Mountbèl, zò tla Marèccia, e’ Pózz, zò tl’Éus, i Zéss, sò ma la...
Continue Reading
20
Mag

Corriere.it Bergamo

Articolo: https://bergamo.corriere.it
Continue Reading
18
Mag

1° giorno di riposo

Santini e gli effetti di un metatarso rotto Vasto, 18 maggio 2020 dal nostro inviato Carlo Brena illustrazione di Pietro Corraini È un cielo terso quello che sveglia i girini la mattina della prima delle due giornate di riposo del SenzaGiro: l’Adriatico è una linea dritta all’orizzonte, immobile davanti ai balconi degli hotel di Vasto. Nei parcheggi degli alberghi le officine volanti dei team sono già alle prese con la manutenzione delle specialissime: «Servono tutte già belle pronte per le dieci» ci dice un meccanico del team Trek Segafredo mentre regola la sella a una Emonda, rossa come la più potente delle Ferrari, prima che i ragazzi escano per una sgambata di gruppo.  «Ma perché non gliela fate rosa?» grida...
Continue Reading
16
Mag

Nencini il figlio

A cura di Fernanda Pessolano, Biblioteca della bicicletta Lucos Cozza «Per vincere le corse bisogna saper morire un po’ più degli altri» (p. 5). Sulla cresta dell’onda (Sarnus, 2020, 144 pagine, 13 euro) si apre su tre diversi piani. Il primo: un giovane giornalista chiede a un vecchio giornalista di raccontargli il Tour de France del 1960, e il vecchio giornalista gli parla della corsa e dei corridori, delle tappe e dei retroscena, delle salite ma anche delle discese, della squadra italiana, del c.t. Alfredo Binda e del grande Ercole Baldini, soprattutto di Gastone Nencini, che arriverà a Parigi in maglia gialla. Il secondo: dialoghi, in presa diretta, da quel Tour de France. Il terzo: una donna, a Firenze, che...
Continue Reading
15
Mag

Sulla strada: Sila

SenzaGiro ha i suoi inviati. Abbiamo chiesto a chi può in questo momento andare sulle strade del SenzaGiro di raccontarci, con un video-selfie, i luoghi dove sarebbe dovuto passare la corsa: la partenza o l’arrivo, o una strada, una salita, un lungomare, una piazza. Sono i “segnaposto” SenzaGiro e ci parlano di storie e di luoghi diversi, anche lontani dal ciclismo agonistico, ma che tirano un filo rosso, o forse rosa, lungo le strade del Giro. Mauro F. Minervino, antrolopologo e scrittore, e Alfonso Bombini, giornalista, ci accompagnano per i monti della Sila, sulle tracce di fontane e vini rossi, mistici e resistenti, fino a incontrare un duello di tanti anni fa, tra il Tarangu Fuente e il Cannibale Merckx.
Continue Reading
12
Mag

Repubblica

Articolo: https://www.repubblica.it/sport/ciclismo/2020/05/12/news/giro_d_italia_immaginato-256364705/
Continue Reading
06
Mag